CIS Menu
  Link Principali
  Le Nostre Ricette
  Le Intolleranze
  Curiosità
  Info
  Utenti & Gruppi
Lista Forum
  CucinaInSimpatia
  Le Ricette Classiche
  Celiachia
  Intolleranze Alimentari
  CIS International
  Cucina Alternativa
  Gli Utensili
Google Cucina



Modi di togliere le macchie




  • Aceto: acqua fredda e ammomiaca, sciacquare.

  • Acquerello: acqua e ammoniaca.

  • Attaccatutto: acetone.

  • Biro: alcool a 90°; su lana e pelle tamponate con benzina; su capi bianchi con candeggina.

  • Birra: generalmente bisogna tentare con acqua e sapone. Sulla lana le macchie si tolgono facilmente con acqua tiepida e sale da cucina, sulla seta con parti eguali di acqua e di alcool, bagnando con una spugna la macchia e ripetendo ove occorra.

  • Bruciatura: acqua e ammoniaca o acqua ossigenata.

  • Cacao: immergere il capo nell'acqua di bollitura delle patate.

  • Caffè: per la biancheria: acqua tiepida con borace.
    Per lana e seta: si bagna con glicerina e si ripete l'operazione. Si lava quindi con acqua tiepida e qualche goccia di spirito. Se il caffè contiene latte o cioccolata, bisogna lavare con acqua tiepida e sapone. Sulla biancheria l'acido cloridrico diluito ha sicuro effetto.

  • Catrame: le macchie di catrame si possono togliere spargendo sulla macchia un po' di burro insipido, e dopo qualche tempo con una flanella imbevuta di benzina si eliminerà il grasso. Sono pure efficaci la benzina e l'essenza di trementina.

  • Cera di candela: raschiare quanto possibile, sistemare sopra e sotto la macchia due fogli di carta assorbente e stirare. Spostare e passare con il ferro da stiro, più volte, i fogli in modo che la macchia venga assorbita meglio.

  • Chewing-gum: indurire la gomma passandoci sopra con un cubetto di ghiaccio. Staccarla con un coltello.

  • Cioccolato: acqua e ammoniaca (5ml in 500ml d'acqua).

  • Colla: vedi cioccolato.

  • Colore: mescolare una parte di acqua ossigenata e 4 di acqua fredda, qualche goccia di ammoniaca ed utilizzare la soluzione per tamponare.

  • Colori a olio: trementina.

  • Erba: alcool a 90° su cotone e lino. Sulla lana usare una soluzione di acqua tiepida 3 parti di alcool, 2 parti di ammoniaca. Risciacquare con acqua e aceto.

  • Fango: spazzolarlo asciutto e tamponare con acqua e aceto (lana),
    con acqua e ammoniaca (cotone, lino, seta, sintetici).

  • Frutta: succo di limone oppure sale e limone. Sciacquare e mettere in lavatrice o lavare a mano; cotone e lini colorati vanno tamponati con latte caldo; Cotone e lini bianchi con perborato; lana con acqua e ammoniaca; Seta con acqua ossigenata diluita in acqua in misura di 1a 6; tappeti e moquettes, tamponateli prima con acqua e poi acetone o trielina (o acqua e ammoniaca se lana).

  • Frutta rossa: una semplice lavatura d'acqua e sapone basta per togliere dalle stoffe bianche le macchie di uva spina, ciliegie, lamponi, fragole, ecc. Per levare queste macchie dalle stoffe tinte, si versano in un bicchier d'acqua 10 0 12 gocce di acido solforico: si inzuppa la macchia con qualche goccia di questa miscela e in seguito si lava con molta acqua.

  • Gelato: lavare subito con acqua e sapone; in generale provare anche con acqua borace in soluzione di 15mlx500ml di acqua.

  • Grassi in genere: sciogliere del sale in alcool o in ammoniaca, spazzolare e lavare in acqua calda e sapone, assorbire, passare con il ferro da stiro ben caldo e spazzolare.
    Per togliere eventuali aloni lavare direttamente con acqua e sapone. Oppure, provate con acqua e ammoniaca. (io spruzzo il Via Va, lascio asciugare spazzolo e poi lavo).

  • Grasso ed olio: sul cotone o la tela di lino basta una semplice lisciviatura. Sugli altri tessuti la benzina e l'essenza di trementina eliminano la macchia completamente. Una macchia di olio può essere fatta scomparire cospargendo sulla macchia un abbondante strato di talco, lasciandolo per qualche ora ad assorbire l'olio; indi spazzolare. Sulla seta, oltre che con la benzina, si può eliminare la macchia bagnandola con spirito od acquavite lasciandola imbevuta qualche tempo. Si passa poi del tuorlo di uovo e si rinnova l'operazione se occorre. Bisogna risciacquare ben bene.

  • Grasso sulle stoffe di seta e di lana: si stempera in una tazza dell'amido fino a ben chiaro in una sufficiente quantità di spirito: si mette questo preparato sulla parte macchiata e si lascia seccare, indi si stropiccia energicamente e si spazzola. Occorrendo si può ripetere l'operazione.

  • Iodio: acqua e ammoniaca.

  • Inchiostro: mettere un foglio di carta assorbente e tamponare la macchia con succo di limone puro o alcool a 90° o latte caldo.

  • Inchiostro di china: acqua e ammoniaca.

  • Liquori: tessuti chiari: acqua e sapone all'olio d'oliva. Si può tentare di levare la macchia con alcool oppure tamponate con acqua e glicerina, sciacquate con acqua e aceto; su lana e seta tamponate con acqua e ammoniaca.

  • Lucido da scarpe: sciogliere con trementina e lavare con acqua tiepida e sapone.

  • Marmellate e Miele: sciacquare con acqua.

  • Mirtilli: questi piccolissimi e gustosi frutti di montagna macchiano di un nero bluastro e tenace le mani e la bocca e guai se sono messi a contatto della tela o delle stoffe chiare. La loro macchia non scompare neppure in bucato: però se si ha l'avvertenza di lavare subito la stoffa o la tela appena macchiata, con l'acqua fresca e sapone, si vedrà la macchia passare dal nero bluastro al viola pallido. Occorre poi lasciare asciugare un poco e quando la stoffa è ancora umida accendervi sopra uno zolfino e tenerglielo a relativa distanza in modo che la macchia riceva il fumo dello zolfo senza bruciare le stoffa. La macchia impallidirà repentinamente fino a definitiva scomparsa.

  • Muffa: ammollo in acqua e perborato per una notte, poi lavare, risciacquare con acqua e limone.

  • Olio: spargere le macchie di abbondante talco e lasciare per varie ore esposto all'aria onde l'unto dell'olio possa venire assorbito dal talco oppure tamponate con acquaragia, poi con ammoniaca diluita con acqua e quindi risciacquare; su seta, lana e sintetici, tamponate con acquaragia diluita in succo di limone.

  • Olio per auto: tamponate con acquaragia e poi acqua e sapone.

  • Pennarello: succo di limone o alcool denaturato sulla macchia e poi in lavatrice.

  • Pioggia sulla seta: si tolgono facilmente, dopo ben asciutte, passando loro sopra a più riprese nel senso del pelo della stoffa una flanella riscaldata.

  • Pomodoro cotto: smacchiare con acqua e ammoniaca.

  • Pomodoro crudo: prima con acqua, poi coprire con borotalco.

  • Profumo: tamponare con acqua e acqua ossigenata a 12 volumi, sciacquare con acqua e aceto bianco.

  • Resina: tamponare con alcool e ripassare con ammoniaca e trementina; su cotone e colorati e lana, usate acquaragia.

  • Ribes: lavare con una soluzione di succo di limone e aceto senza acqua; poi sciacquare.

  • Rossetto: tamponate con alcool e poi lavate normalmente; se il rossetto è indelebile pre trattate la macchia con una soluzione di glicerina e acqua calda.

  • Ruggine: succo di limone e sale fino; su lana usare acqua e ammoniaca solo sulla macchia oppure immergere il capo in acqua e glicerina.

  • Salse: acqua e ammoniaca.

  • Smalto per unghie: provate un solvente per smalto, completate l'operazione con alcool denaturato.

  • Succo di frutta: acqua e ammoniaca.

  • Sudore: tamponate con acqua calda e perborato di sodio o con una soluzione di acqua ossigenata a 20 vol. e acqua fredda in misura da 1 a 6; su colorati e lana, tamponate con soluzione di acqua calda e ammoniaca; se il tessuto si è scolorito, tamponate con una soluzione di aceto bianco (15ml in 250ml di acqua calda.) Lana e seta possono essere lavate e poi sciacquate con acqua ossigenata a 12 volumi e aceto bianco.

  • Tabacco: Le macchie di nicotina sulla biancheria si tolgono con una soluzione in parti eguali di ammoniaca e glicerina. Suìi fa asciugare e poi vi si passa ancora sopra un po di spirito.

  • Té: acqua e succo di limone.

  • Trucco: batuffolo di cotone con latte detergente su tutti i tessuti ad esclusione dei sintetici.

  • Uovo: acqua, sapone e qualche goccia di ammoniaca.

  • Vernice: essenza di trementina o acquaragia.

  • Vino: quando lo macchie sono di data recente si possono cospargere di sale da cucina e sfregare a lungo con succo di limone e sapone; poi risciaquare bene, e, se le macchie non fossero scomparse completamente, ripetere l'operazione. Le macchie di vino si tolgono dalla seta bianca esponendo questa all'azione del gas solforoso oppure coprire la macchia di sale fino, dopo mezz'ora sfregare con succo di limone caldo, quindi lavare. Se invece la macchia è su seta, sfregare con acqua e aceto bianco prima di lavare normalmente. Se è su lana, tamponare con acqua ossigenata.




Fonte: Ricettario Carli di A. Pettini


Altre notizie utili:
Curiosità in Cucina, postato da Memole
Bucato

Ringrazio Olga e Jo che mi hanno aiutato attivamente ad ampliare questa scheda e tutte le persone che la stanno incrementando






  
 Simo [ Lun 17 Mar, 2008 10:07 ] Commenta questa ricetta Stampa l'argomento Segnala via email l'argomento