Pagina 1 di 1
 
 

Messaggio Classificazione Dei Vini Italiani

#1  aqu Mer 26 Set, 2007 11:11

Coltivare la vite (e da questa fare vino) è un’attività che l’uomo svolge da millenni. Originariamente questa attività è  stata disciplinata solo dalle leggi naturali, che, con il passare delle stagioni e del tempo, consentivano alla vite di dare  suoi frutti ed ai frutti di trasformarsi in bevanda alcolica. In tempi più recenti è stato necessario ricorre anche a leggi umane (civili, penali e amministrative) che proteggessero e valorizzassero la produzione vitivinicola stesso.

Recepite le direttive europee sull’argomento, l’Italia ha elaborato negli utilimi anni varie normative che si  occupano di classificare i vini italiani, suddividendoli in tre categorie:

  • Vini da tavola
  • Vini ad Indicazione Geografica Tipica (IGT)
  • Vini di Qualità Prodotti in Regione Determinata (VQPRD) (DOC e DOCG)


Tralasciando la prima, che non è sottoposta ad alcun obbligo se non quello del buon senso, le altre due categorie sono sottoposte a rigidi disciplinari di produzione, che riporto di seguito a grandi linee (tratte dal glossario del Ministero delle politiche agricole e forestali)

IGT

Riconoscimento di qualità attribuita ai vini da tavola caratterizzati da aree di produzione generalmente ampie e con disciplinare produttivo poco restrittivo. L’indicazione può essere accompagnata da altre menzioni, quali quella del vitigno. I vini Igt sono gli omologhi dei francesi “Vin de Pays” e dei tedeschi “Landwein”. (Legge 164/92)
La sigla, quindi, sta per “Indicazione geografica tipica”, utile al consumatore per conoscere la zona di produzione della bevanda: si tratta in sostanza di vini ottenuti da uve determinate e provenienti da territori ben definiti. Tale qualifica, comunque, non obbliga i viticoltori ad apporre altre menzioni sull’etichetta (come, ad esempio, il vitigno di provenienza), né li costringe a vincoli di produzione troppo restrittivi. Nella scala dei valori enologici, insomma, gli Igt si collocano immediatamente su un livello inferiore ai Doc e Docg, ma prima dei vini da tavola generici, anche se rientrano essi stessi nelle categorie dei vini da tavola.

VQPRD

VQPRD sta ad indicare "vino di qualità prodotto in regione determinata", nel senso che la zona di origine della raccolta delle uve per la produzione di quel determinato vino è delimitata da una zona prestabilita dai singoli disciplinari.
Questa tipologia di vini, comprendente sia le DOC sia le DOCG, offre almeno due importanti garanzie: la certezza della buona qualità e l'origine. Questa certificazione, infatti, viene attribuita a vini le cui caratteristiche dipendono essenzialmente dai vigneti e dalle condizioni naturali dell'ambiente.

--> I vini DOC

E' l'acronimo di Denominazione di Origine Controllata; appartengono a questa categoria i vini in cui la zona di origine della raccolta delle uve per la produzione del medesimo vino è in sostanza delimitata come prevedono i disciplinari di produzione. Per la legislazione UE in vigore esso rientra nella categoria più ampia dei V.Q.P.R.D.

Il disciplinare per i vini DOC
Il disciplinare definisce per ogni vino DOC le seguenti caratteristiche:
  • le zone geografiche di produzione;
  • i vitigni;
  • la tipologia del terreno di coltivazione dell'uva;
  • la resa dell'uva in vino (per evitare un eccessivo sfruttamento della vite);
  • le tecnologie di produzione e di invecchiamento;
  • le caratteristiche del prodotto finito (acidità, estratto secco, gradazione alcolica minima, peculiarità organolettiche)
  • le eventuali qualificazioni del vino al momento della commercializzazione.


Alcuni vini DOC possono riportare in etichetta alcune indicazioni aggiuntive:
  • indicazione "classico" per i vini prodotti nella zona di più antica tradizione (nell'ambito del territorio delimitato dal disciplinare);
  • indicazione "riserva" per alcuni vini sottoposti ad un invecchiamento più lungo del normale;
  • indicazione "superiore" per vini con caratteristiche migliori (grazie al buon andamento climatico dell'annata che ha permesso di raggiungere una concentrazione zuccherina più alta e quindi una maggiore gradazione alcolica).


--> I vini DOCG

D.O.C.G. è l'acronimo del nome di "Denominazione di Origine Controllata e Garantita" e si attribuisce a quei vini aventi già la D.O.C, che oltre ad avere speciali pregi organolettici, abbiano acquisito una particolare famaIl disciplinare per i vini DOCG
La DOCG è la massima qualificazione prevista e, oltre a rispettare tutti i parametri stabiliti dal disciplinare per i DOC, i vini DOCG sono sottoposti ad un secondo esame da parte di enologi ed enotecnici durante l'imbottigliamento (mentre per la DOC i controlli sono effettuati ogni 3 anni).
Superata la prova vengono rilasciati al produttore speciali sigilli in filigrana, stampati dall'Istituto Poligrafico dello Stato e rilasciati dalla Camera di Commercio o dal Consorzio di Tutela agli imbottigliatori, in numero limitato secondo il quantitativo di ettolitri prodotto, da porre su ogni bottiglia.
Il sigillo è posto sul collo della bottiglia: verde/giallo per vini bianchi, rosa per i vini rossi.
Ad oggi le DOCG italiane sono 24.

Ringrazio il sito www.cibo360.it per alcune definizioni che ho "scopiazzato"
 



 
Modificato da Mighty Gorgon, Mer 26 Set, 2007 11:22: Aggiunti elenchi e reso importante
avatar
blank.gif aqu Sesso: Donna
Cuoco
Cuoco
 
Età: 32
Registrato: Luglio 2007
Residenza: Perugia
Messaggi: 976
  Condividi
  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 


Messaggio Re: Classificazione Dei Vini Italiani

#2  tittola Mer 26 Set, 2007 12:06

  molto interessante! questo me lo salvo e me lo stampo...Grazie Aqu...
 



 
avatar
italia.png tittola Sesso: Donna
Chef
Chef
 
Età: 37
Registrato: Giugno 2007
Residenza: Napoli
Messaggi: 5039
  Condividi
  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 

Messaggio Re: Classificazione Dei Vini Italiani

#3  Jo Mer 26 Set, 2007 13:21

Grazie aqu, dovrò studiare stasera, ora non ho tempo
 




____________
my blog Colazione da Jo
 
avatar
italia.png Jo Sesso: Donna
Jolanda Zeni
Chef
Chef
 
Registrato: Agosto 2006
Residenza: Veneto
Messaggi: 4587
  Condividi
  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 

Messaggio Re: Classificazione Dei Vini Italiani

#4  Simo Mer 26 Set, 2007 14:05

Grazie anche da parte mia Aqu
 




____________
Simonetta
 
avatar
italia.png Simo Sesso: Donna
Chef
Chef
 
Età: 47
Registrato: Luglio 2006
Residenza: Vercelli
Messaggi: 7811
  Condividi
  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 

Messaggio Re: Classificazione Dei Vini Italiani

#5  Jo Mer 26 Set, 2007 19:07

ho letto aqu, ottimo lavoro
 




____________
my blog Colazione da Jo
 
avatar
italia.png Jo Sesso: Donna
Jolanda Zeni
Chef
Chef
 
Registrato: Agosto 2006
Residenza: Veneto
Messaggi: 4587
  Condividi
  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 

Messaggio Re: Classificazione Dei Vini Italiani

#6  danilo Lun 19 Mag, 2008 10:37

grandissima !! tutto vero !! brava !!    
 



 
avatar
 danilo Sesso: Uomo
Cameriere
Cameriere
 
Età: 43
Registrato: Ottobre 2007
Messaggi: 144
  Condividi
  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 


NascondiQuesto argomento è stato utile?
Inserisci un link per questo argomento
URL
BBCode
HTML
NascondiArgomenti Simili
Argomento Autore Forum Risposte Ultimo Messaggio
No Nuovi Messaggi [GLOSSARIO] Termini Culinari Italiani Simo Le Schede E Le Specialità Di CIS 6 Lun 25 Feb, 2008 12:44 Leggi gli ultimi Messaggi
arpa40
No Nuovi Messaggi Vini Pugliesi klima Vino In Tabula 17 Lun 19 Mag, 2008 16:15 Leggi gli ultimi Messaggi
oliviapepe
No Nuovi Messaggi Siti Italiani fatina86 Richieste Ricette 11 Mar 17 Feb, 2009 16:57 Leggi gli ultimi Messaggi
Felix
No Nuovi Messaggi I Vini Lombardi Silente Vino In Tabula 1 Dom 26 Apr, 2009 12:00 Leggi gli ultimi Messaggi
Simo
No Nuovi Messaggi [VIDEO]differenze Tragicomiche Tra Gli Ita... Jo Tacabanda 2 Dom 27 Mar, 2011 21:34 Leggi gli ultimi Messaggi
salparadiso76

Pagina 1 di 1
 



Online in questo argomento: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Amico di Silente
Utenti Registrati: Nessuno